Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Letteratura sarda e cinema

Data:

19/05/2021


Letteratura sarda e cinema

Oltre alla riappropriazione di storie, ambienti, volti, lingua, il "nuovo cinema sardo" ha intessuto un legame vitale con la letteratura sarda, sia quella del passato che quella contemporanea. Nume tutelare, soprattutto all'inizio è Grazia Deledda, della quale si contano tra film e sceneggiati una decina di trasposizioni. Due libri belli e importanti di Sergio Atzeni diventano due film ("Il figlio di Bakunìn" e "Bellas mariposas") altrettanto fondamentali per l'immaginario del cinema isolano; i registi attingono fra tradizione e modernità da Emilio Lussu, Antonio Gramsci, Francesco Masala, Salvatore Mannuzzu, Maria Giacobbe, Giuseppe Fiori, Giulio Angioni saldando uno scambio con la letteratura isolana dove l'immagine approfondisce e offre altre letture alla parola scritta. Un intreccio che moltiplica i punti di vista e le piste narrative, rifugge dal luogo comune e disegna una faccia nuova, più variegata, della moderna cultura sarda.

Intervengono:

Alice Flemrová (Università Carlo IV di Praga), Sergio Naitza (regista e giornalista), Salvatore Mereu (regista), Alessandro Marini (Università Palacký di Olomouc) e Maria Bonaria Urban (Università di Amsterdam)

In italiano con traduzione simultanea in ceco.

Partecipazione gratuita previa registrazione sulla piattaforma Zoom

Informazioni

Data: Mer 19 Mag 2021

Orario: Dalle 18:00 alle 19:00

Organizzato da : IIC Praga

Ingresso : Libero


1777